24/01/2012 Eventi locali
Fabbricacultura lancia il programma “Terre d’Amore” con l'evento “Ars, Eros, Cibus”
Ars, Eros, Cibus.
Si è ispirato a questi tre filoni il primo evento realizzato dall’associazione Fabbricacultura, nell’ambito dell’ampio programma “Terre d’Amore” che mira alla promozione e alla valorizzazione del territorio dell’Abruzzo interno, con particolare riferimento all’area peligna.
L’associazione, nata per volontà di un gruppo di imprenditori, professionisti e operatori culturali locali, ha contribuito significativamente ad arricchire l’offerta culturale sulmonese nel periodo prenatalizio (8,9 e 10 dicembre 2011), con una ‘tre giorni’ di iniziative all’insegna della rivalutazione delle identità del territorio, sotto il piano culturale, storico-artistico, artigianale ed enogastronomio.
Migliaia di cittadini e turisti hanno preso d’assalto i luoghi principali della città, quelli culturali come il complesso della SS. Annunziata, il Museo Archeologico, il Cinema Teatro Pacifico, e quelli propri del passeggio e degli acquisti come Corso Ovidio e le vie del centro storico.
L’idea sottesa al progetto è stata quella di coordinare una serie di eventi, ciascuno curato da un’associazione culturale, intorno all’insolito ma stimolante abbinamento tra la massima espressione dell’artigianato dolciario locale, i confetti, e le suggestioni – soprattutto legate al carattere amoroso – della produzione poetica ovidiana
Grazie anche alla imponente e diffusa campagna promozionale (sito internet, banner su testate online, flyer, manifesti, locandine, adesivi, shopping bags, etc,) diverse migliaia di persone hanno avuto modo di conoscere l’evento e di prendervi parte con entusiasmo.
Metamorfosi – il poema del mondo (teatro), Amori e Corti (cinema), Letture ovidiane (poesia e musica), Artisti e Confetti (arti visive), Ovidio svelato (mostra testi antichi) sono solo alcuni dei numerosi tasselli che hanno composto un ricco quadro fatto di storia, innovazione e tipicità che si è sostanziato in una kermesse di successo, il cui evento forse più caratterizzante è stato la riproposizione in chiave teatrale del processo a Ovidio, svoltosi in un gremito cinema Pacifico, che ha visto il poeta sulmonese liberato dall’odioso fardello della ‘relegatio’.
 Con Ars, Eros, Cibus  (e con tutti i futuri progetti dell’associazione) si intende insomma tracciare un percorso grazie al quale i cittadini possano riappropriarsi di un senso di appartenenza e di socialità che rischiano di dissolversi e, al contempo, si riesca ad attrarre turisti e a permettere loro di conoscere paesaggi, borghi storici ed emergenze culturali e enogastronomiche che questa parte dell’Abruzzo interno è in grado di offrire.
Nota schede pagine gialle 2

Gli sconti e le agevolazioni sui prodotti e servizi indicati verranno applicati dietro esibizione della della Socio Card, la Tessera Socio nominativa emessa dalla Bcc di Pratola Peligna, unitamente ad un documento di riconoscimento

 
Colonna DX Pagine Interne
Trading on line
Punto Macro